Cosa vuol dire essere intrusi

Tombolo (PD), agosto 2016

È davvero sconvolgente, come si evince dall’articolo, che un maiale appaia nella ‘civiltà’. Che stia brucando davanti a un negozio, che trotterelli su un marciapiede. Che un pezzetto della fabbrica della carne abbia preso vita e stia respirando la nostra stessa aria. Un ‘prode’, questo maiale che, materializzzandosi nella sua vera presenza di vivente, si smaterializza invece come prosciutto. Un ‘simpatico intruso’, da vivo, ‘approdato’, come un naufrago alla deriva, su un pianeta sconosciuto e inaccessibile. Il suo, in realtà.

QUI l’articolo (padovaoggi)

maiale_tombolo

 

 

 

This entry was posted in 1 - storie di rivolta, 2 - allevamenti e macelli, 7 - evasioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *