Monthly ArchiveLuglio 2019



1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 29 Lug 2019 01:11 pm

Domate con la lontananza

Poschiavo (CH), 3 luglio 2019
Nascono e muoiono perché così è programmato, partoriscono com’è programmato e poi non possono essere tutte madri allo stesso modo. Alcune vengono subito castrate attraverso l’immediata separazione dal figlio/a, e si sa che la castrazione è considerato un metodo per agire sull’aggressività. Sono domate con la lontananza. Così il latte può venir sottratto senza problemi.
Qui invece la reazione di una cosiddetta “madre nutrice”:

mucca aggredisce escursionista

approfondimenti 10 Lug 2019 10:45 am

Matti come cavalli – Intersezioni bastarde fra antispecismo e antipsichiatria

di Collettivo Resistenza Animale

Testo scritto per il blog CripHumAnimal – [leggi la versione inglese / read English version]

Da qualche anno, nell’ambito dell’attivismo antispecista e dei critical animal studies, si parla della resistenza animale. Contestando le retoriche paternaliste in stile “we are the voice of the voiceless”, molto diffuse fra i difensori dei diritti animali, alcuni gruppi e autori sottolineano che i nonumani si ribellano quotidianamente allo sfruttamento: evadono dagli allevamenti, dagli zoo e dai laboratori, fuggono dai camion diretti al mattatoio, aggrediscono i domatori nei circhi, si rifiutano di collaborare, si lasciano morire in tutti i luoghi di prigionia. Il collettivo Resistenza Animale, in Italia, documenta da anni queste ribellioni e cerca di favorire la solidarietà, accanto a una visione dell’attivismo in cui gli umani non siano più gli eroici salvatori degli altri animali, ma compagni di lotta posizionati al loro fianco.

“Rubare il tempo è una follia”, di Luigia Marturano.
[Disegno in bianco e nero con sfumature di grigio raffigurante una persona distesa nel letto, legata con una camicia di forza; intorno, una decina di cani sono legati con delle corde al letto e cercano di staccarsi]

Non è un caso, probabilmente, che questo nuovo approccio alla liberazione animale abbia destato interesse nel movimento antipsichiatrico, favorendo dei momenti di dibattito sull’intersezione fra le due lotte. In particolare, Giuseppe Bucalo, attivista e autore che ha creato, in Sicilia, reti di sostegno ai “matti” libere dall’interferenza delle istituzioni e del sapere psichiatrico, ha espresso una forte affinità con la resistenza animale. Secondo Bucalo, vi sono molte analogie fra il controllo che la società opera nei confronti dei modi di pensare non incasellabili nella razionalità standard e il controllo dei nonumani che provano a disattendere il ruolo che è stato loro assegnato dalla nostra società. Lo stupore, l’ansia e la violenza repressiva suscitate dai cosiddetti “malati di mente” e dagli animali fuggitivi nello spazio pubblico, per esempio, sono molto simili. Il testo di Sarat Colling “Animal without Borders” mostra come fino a poco tempo fa – e talvolta ancora oggi – gli animali in fuga siano descritti dai giornali come “impazziti” come “matti”.


Continue Reading »

1 - storie di rivolta &3 - circhi &8 - ribellioni 05 Lug 2019 04:14 pm

How many years can some people exist before they’re allowed to be free?

Triggiano (BA), Circo Orfei, 4 luglio 2019

Durante le prove dello spettacolo con quattro tigri, una di loro si ribella all’addomesticamento. Aggredisce il domatore e le altre tre, come aspettando un segnale di rivolta, la imitano.

“How many times… ?” (vi ricordate Bob Dylan, con le sue pessimistiche  domande  sulle tragiche abitudini di violenza e guerra degli umani ?) Ecco: quanto tempo dovrà passare ancora perché si comprenda in maniera empatica, profonda e definitiva che gli altri animali vanno lasciati in pace? Che nessun* è nat*  per stare in gabbia e fare il burattino a comando?

Vicenda drammatica davvero, ancor più per l’epilogo e anche perché i quattro felini verranno di certo “abbattuti”. Può essere una seppur misera consolazione quella di pensare: meglio morti che vivi in gabbia, violentati a vita?

Articolo

1 - storie di rivolta &4 - zoo &8 - ribellioni 01 Lug 2019 11:07 pm

Evasione di una banda di macachi.

Zoo giapponese di Okinawa, 27 giugno 2019

Non è chiara la dinamica secondo la quale  14 macachi sono fuggiti da uno zoo, ops, da un carcere giapponese pochi giorni fa.

Durante le ricerche che hanno poi portato alla cattura di tutti gli animali e alla confisca del loro bene più prezioso, la libertà, in molti hanno fatto il tifo per  i fuggitivi.

In questo articolo, scritto quando ancora non erano stati tutti catturati, si scherza sul fatto che i primi due macachi riportati nello zoo i non potranno certo dare informazioni sui fuggitivi: farli parlare non è facile, si scrive.

Si scherza spesso e volentieri su questi fatti. Forse per un malcelato imbarazzo di fronte ai desideri negati agli altri animali che invece manifestano eccome la propria volontà, forse perché quando l’ordine viene ristabilito non resta che il sapore amaro dell’ingiustizia, forse perché ci si butta tutto alle spalle come un fenomeno tutto sommato bizzarro.

Forse perché le parole giuste mancano proprio agli umani.

Laura

Articolo