Category Archive2 – allevamenti e macelli



1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 08 Giu 2019 08:39 am

Appena si può…

Piazzola sul Brenta (PD), 29 maggio 2019

È riuscito a evadere nel momento più favorevole alla fuga di tutta la ‘coltivazione’ della sua vita: il trasporto. L’hanno sedato e caricato nuovamente sul camion.

Non è che un* sia più coraggios* dell’altr*… si scappa appena si può! E in quell’un* ci sono tutt*.

QUI IL VIDEO

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 27 Mag 2019 01:01 pm

I cavall* sono spesso in fuga

Palermo, 19 maggio 2019

Le evasioni dei cavalli sono forse le più frequenti, se ne trova notizia molto spesso.

QUI l’ennesima. Ma giochiamo anche noi con la definizione di cavallo scosso, come fa l’autore dell’articolo: la bella scossa l’hanno presa gli automobilisti, perchè quando un cavallo corre in autostrada, gli esiti possono essere drammatici non solo per l*.

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 24 Mag 2019 10:13 am

Al ‘sicuro’ in allevamento

Pieve di Soligo (TV), 24 aprile 2019

Tre i vitelli che sono riusciti ad evadere dalla stalla. Dalla strada su cui si sono trovati a correre sono stati condotti ‘al sicuro’ nel parcheggio di un supermercato e da lì riportati alla loro brevissima vita di carne da macello. Come sempre la contraddizione più stridente: al di fuori dalla catena di allevamento/smontaggio c’è un vivente da proteggere affinchè non venga, in questo caso, investito, ma è solo per riportarl* alla morte istituzionalizzata.

QUI l’articolo

 

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 21 Mag 2019 12:12 pm

Evasione a lieto fine

New York, marzo 2019
Pare che dagli 80!!!! macelli di New York le fughe siano recentemente aumentate. Questo vitello ce l’ha fatta a riprendersi la sua vita.

QUI l’articolo

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 20 Mag 2019 11:02 pm

In fuga dalla Pasqua

Altamura (BA), Pasqua 2019

Un agnello è riuscito a scappare dal macello di Altamura. Cosa ne sarà stato della sua corsa per la sopravvivenza? Probabile che l’abbiano ripreso e ammazzato.

 

(Fonte: https://bari.ilquotidianoitaliano.com/cronaca/2019/04/news/altamura-che-fai-a-pasquetta-stanco-di-sentirselo-chiedere-agnello-scappa-dal-macello-video-235982.html/)

 

 

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 12 Mag 2019 07:04 pm

Tanta premura per nulla

Manerba (BS), 11 maggio 2019

Una mucca è riuscita a  fuggire da una fattoria ed è entrata in un giardino cadendo in piscina. I suoi muggiti di paura hanno scatenato pronta solidarietà: è stata presa per le corna e trascinata nell’acqua bassa in attesa dei vigili del fuoco. Poi è stata ricondotta al suo ruolo di carne da macello. Tanta  premura per nulla: l’empatia finisce sulla porta della stalla.

QUI l’articolo (bresciaoggi.it)

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni &8 - ribellioni 24 Apr 2019 08:16 pm

Non era mai scappato prima…

Montesperpoli (FI), 20 aprile 2019

..ma non si è certo lasciato sfuggire l’occasione.

Un cavallo chiamato Macchia ha cercato di riconquistarsi la libertà. Uno è riuscito a legarlo con la sua cintura a mo’ di briglia, qualcuno ha chiamato  la polizia e qualcun altro lo ha ricondotto nel luogo da dove era scappato. La solerzia con cui si cerca di rimettere “le cose al proprio  posto” è sempre scrupolosa, asservita e ben oliata. Ci piace invece immaginare una storia diversa: una carezza al posto della cintura, un nascondiglio sicuro, un po’ di fieno ma soprattutto la restituzione della libertà a cui  Macchia ha dimostrato di essere così tenacemente legato.

Notizia

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 24 Apr 2019 01:36 pm

Un vitello scappa dalla stalla. Un’altra vita ribelle.

Loreto, AN, 2 aprile 2019

“Siepi e recinzioni vennero erette per impedire la fuga degli animali. Strumenti crudeli, come i gioghi di legno e gli zoccoli, erano intesi a ridurne le possibilità di movimento. Lo sperone, le briglie e il morso, la frusta e il bull-whacker (una mazza chiodata) servivano tutti a provocare dolore. Si diffusero inoltre manuali tecnici che insegnavano l’arte di “spezzare” [breaking] la resistenza degli animali. Furono messe taglie sugli evasi. Vennero costruite gabbie per rinchiudervi quelli che venivano ripresi. I proprietari tagliavano le ali, accecavano gli animali e recidevano loro i tendini. Li castravano e li sterilizzavano. Le corna venivano tagliate. Ciascuna di queste pratiche venne perfezionata e standardizzata. E per gli individui la cui renitenza era indomabile, era prevista una misura definitiva: la pena capitale. I resistenti venivano impiccati alle forche delle città o ai rami degli alberi delle foreste circostanti. I ribelli venivano tormentati a morte durante gli spettacoli e le feste. Agli evasi e agli individui che vivevano autonomamente sul territorio si sparava a vista. Si trattava di pubbliche esecuzioni: brutali nei metodi, eloquenti nell’ostentazione della violenza, determinate a sortire un effetto preciso. La violenza della società nei confronti degli animali divenne una violenza istituzionalizzata.”

J.C. Hribal, Animali, agency e classe. La storia degli animali scritta dal basso, tr. it. in “Liberazioni”, n. 18, 2014, pp.32-58 (cit. a pp.39-40)

Notizia

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli 12 Apr 2019 07:43 pm

I tori di Singapore

Singapore, 10 aprile 2019

Un vitello di due anni, Ganesha, è fuggito dalla fattoria di Lim Chu Kang ed è rimasto a lungo latitante nonostante le imponenti ricerche.

QUI la notizia

Questa vicenda fa ricordare un altro toro, giunto non si è mai saputo come a Coney Island Park e lì vissuto badando a sè stess* per svariati anni. Questo toro (nella foto) è morto nel 2016 durante una sedazione per un controllo sanitario, sedazione alla quale il suo cuore anziano non ha retto. La sua misteriosa e solitaria esistenza ne aveva fatto una leggenda, un incontro da ricercare nei momenti di fuga dalla città per escursionisti e ciclisti che erano invitati a non cercarlo, a non disturbarlo con le fotografie e a non provocarlo. Era il padrone indiscusso dell’isoletta. La sua morte ha rattristato gli abitanti di Singapore che, in suo onore, avrebbero voluto cambiare il nome Coney Island in Cowney Island.

Qui la notizia


1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 24 Mar 2019 09:20 pm

Betsy mucca libera

Alaska, marzo 2019

Agli abitanti di Anchorage, in Alaska, la storia di Betsy è nota dal giugno scorso, quando fuggì prima di un rodeo. Da allora lei è una mucca libera. Nessuno è più riuscito* a riprenderla, né coi cavalli, né coi droni, né col cibo. L’hanno sempre cercata invano nell’immenso Far North Bicentennial Park, alla periferia della città. Qualcun* ogni tanto riesce ad avvistarla e ne dà segnalazione al rassegnato ‘proprietario’ che ha manifestato l’intenzione di provare ad attirare Besty con altre mucche. La fotografia racconta di un fortuito incontro con lei che risale a dicembre.

L’articolo:‘It’s a cow’s dream’: Cow that escaped Alaska rodeo and vanished into Anchorage park still on the run six months later

Pagina successiva »