Category Archive6 – altri luoghi di detenzione



1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 27 Ago 2017 12:32 pm

Dove c’è potere, c’è resistenza.

Plaza de Toro Monumental, El Paseo, Potosinos, Messico,  26 agosto 2017.

El matador Sergio Flores resultó herido en la axila durante los festejos de la Feria Nacional Potosina; fue sometido a cirugía (viernes 26 de agosto de 2017)Fuente:http://www.eluniversal.com.mx/estados/video-dan-aparatosa-cornada-torero-en-slp

Posted by Entrelacemos las Garras on Samstag, 26. August 2017

L’ultimo toro della notte ( festeggiamenti del santo patrono durante  la Feria National Potosina) ha incornato con rabbia e disperazione il torero.

Il pubblico urlante ha avuto il suo fuori programma. “Chi andrebbe ancora a vedere una corrida se ogni tanto un toro non riuscisse ad incornare il torero? E’ questo il fascino dello spettacolo: nel mettere in scena la sovranità della nostra specie. Come insegna Foucault, le sporadiche situazioni in cui il potere fallisce sono lì a ricordarci ( e a valorizzare) tutte le volte in cui si esercita in modo efficace” (Cappellini, Reggio)

 

QUI  e QUI video e articolo

(Fonte: www. larazon.es)

(Fonte: www.eluniversal.com)

1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &7 - evasioni 19 Ago 2017 02:15 pm

Torello in fuga!

16 agosto 2017, Littleton, Massachusetts. Un torello di circa 500 chili fugge poco prima di essere messo all’asta.

Ribellandosi al suo status di schiavo, di cosa, di corpo senza diritti e senza dignità, l’animale si da alla fuga, inseguito dagli allevatori e dalla polizia.

Sono passati quattro giorni. Ed il ribelle è ancora libero.

Noi, ovviamente, ci auguriamo che lo rimanga per sempre.

Fonte:

https://patch.com/massachusetts/westford/escaped-bull-leads-police-chase-ayer

1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 08 Ago 2017 02:10 pm

Il paradiso, all’improvviso.

Coti-Chiavari, Corsica del sud, plage de Mare e Sole.

Questa mandria, composta da una trentina di animali liberi, sta vagando da quasi cinquant’anni tra la costa e la foresta delle colline nel sud della Corsica. Ogni stagione, ormai da molti anni, questi animali condividono con turisti e locali  la spiaggia in questo pezzetto di paradiso.

Un paradiso, sì, perché insieme ad una mandria  libera su una spiaggia, ci si ritrova momentaneamente in un mondo ideale di uguaglianza, libertà e persino fraternità.

Un paradiso provvisorio e in pericolo, dove è vivido l’ incanto di scoprirci così simili e così diversi.

Qui l’articolo

(Fonte: www.corsematin.com)

In Corsica sembra ci siano dai  15.000 ai  20.000 bovini liberi.

Contro l’ordinanza di abbattimento del sindaco di Volpajola-Barchetta si stanno raccogliendo le firme in questa petizione: https://www.change.org/p/non-%C3%A0-la-battue-administrative-de-volpajola-corse-ao%C3%BBt-2017?recruiter=90384866&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=share_for_starters_page

 

 

1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 06 Ago 2017 11:33 pm

Una resistenza per sottrazione.

Foios,  22 luglio 2017

Circondato da uomini ostili, vedendosi appiccare il fuoco alle corna, uno schiavo decide di schiantarsi il cranio contro il palo a cui lo avevano legato. Forse in preda al panico (come non condividere il suo terrore?), forse (così piace pensare a noi) per il gusto amaro di rovinare la festa ai suoi persecutori: come non ricordare i gladiatori – umani e non – costretti a massacrarsi nelle arene, gli afroamericani linciati e appesi ai lampioni, tutti quei morti e quelle morte, quelle pelli diverse che avvolgevano corpi diversi, su cui è piovuta la rabbia dei “giusti”, degli “uomini dabbene”, dei “legittimi abitanti”? Quando sono i più poveri a godere del sangue versato, quando è il popolo ad infierire sui più deboli, quando su di loro trovano sfogo la frustrazione e le passioni più violente, la rete del privilegio si scopre come in rilievo: razza, specie, classe sono vettori di potere e vanno a spezzare le vite di chi, come questo toro, talvolta viene letteralmente messo all’angolo. Negli ultimi istanti concitati prima del buio perenne, la sua resistenza può manifestarsi sottraendo e non aggiungendo. Nella furia della disperazione, c’è chi può solo uccidersi per ribellarsi alla volontà di chi lo uccide. La gloria e l’infamia, in questo atto supremo di coraggio o in questa inconsapevole evasione verso l’unica superstite forma di salvezza, si mescolano nella fanghiglia della storia. Lo sguardo scorre una sfilata di immagini evanescenti sulla colonna di un giornale online, dall’altra parte dello schermo un animale muore, si occlude un mondo.

Articolo e video qui

(Fonte: www.video. corriere.it)

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 03 Lug 2017 07:47 pm

Purtroppo sono solo animali

Durante l’ultimo palio di Siena, Tornasol, un giovane cavallo (in principio i cronisti hanno scritto erroneamente di una cavalla) si è rifiutato di partecipare, di partire, di obbedire e assecondare gli ordini che gli imponevano di correre per il divertimento di migliaia di persone. L’ha detto in tutti i modi che non ci stava. Cavalcato dal più esperto, che con insistenza lo costringeva dalla sua posizione di enorme vantaggio, si divincolava, procedeva zigzagando, si muoveva di fianco rifiutando categoricamente di entrare tra i nastri di partenza. Passavano i minuti e poi anche le ore, ma non c’era nulla da fare. Palio bloccato per un’ora e mezza e telecronisti che raccontavano questa resistenza indomita suggerendo le più assurde frivolezze, frasi tipo “purtroppo sono animali…”. Eccezionalmente, è sceso in campo un addetto, l’uomo che meglio conosceva Tornasol, che gli dava da mangiare, che passava le giornate con lui. Ha allora tentato di tirarlo per il morso. Due uomini, uno sopra e uno sotto che non cedevano. A guardare con altri occhi la vedevi bene tutta quella “nobile tradizione”, tutto quelle arti e quei mestieri che caratterizzano millenni di dominio. Una prepotenza violenta, inaudita, terribilmente esplicita. Un uomo sopra il cavallo che tenta di dirigerlo manovrandolo con corde attaccate alla sua bocca e un altro a terra che lo tira mentre lui si divincola, suda, agita il collo, indietreggia, non vuole, resiste. E tutto questo per un’ora e mezza. Un’ora e mezza di accanimento e di prepotenza, ma anche di resistenza. Mentre migliaia e migliaia di persone rumoreggiano pretendendo il divertimento, mentre un pubblico ancora più vasto si gode lo spettacolo in televisione.
Tornasol  era madido, nervoso, impaurito, sfiancato e anche quando sono riusciti a portarlo davanti ai nastri, dopo qualche secondo, subito arretrava, se ne andava, prendeva la direzione contraria. Alla fine hanno chiamato il veterinario, il fantino è sceso e si sono dovuti rassegnare. Non ha voluto partecipare, non ha voluto seguire le loro regole, non ha voluto correre per divertirli e arricchirli.
E dopo? Una volta spenti i riflettori, che cosa gli succederà? Difficile conoscere il destino di chi si ribella, di chi resiste e si rifiuta. Non lo danno in televisione, non è parte dello spettacolo.

Troglodita Tribe per ResistenzaAnimale

1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 01 Mag 2017 02:01 pm

Noi stiamo con i tonni.

Camogli, 27 aprile 2017

Ridotta a brandelli la tonnara di Camogli. Tranciati i cavi e le reti. Si indaga su una nave pirata.

Articolo

(Fonte: www.ilsecoloxix.it)

1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 04 Apr 2017 02:53 pm

Un altro toro riesce a trovare la forza per ribellarsi al suo carnefice

Madrid, 3 aprile 2017

Il torero Daniel García Navarrete  è stato incornato nella sua corrida d’esordio nella più grande arena spagnola, Las Ventas, a Madrid.

Notizia qui

(Fonte.www.ilfattoquotidian0.it)

 

1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &7 - evasioni &8 - ribellioni 27 Mar 2017 01:28 pm

Si stacca dalla carrozzella e scappa.

Palermo, 24 marzo 2017

Ha approfittato della carrozzella rotta per darsi alla fuga. Uno strattone e si è liberat* finalmente dalle briglie, dalle corde, dal traino e dai  turisti.

Uno strattone pieno di infinita speranza.

L’ articolo ovviamente parla di un cavallo imbizzarrito.

(Fonte: www.palermo.gds.it)

1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 22 Mar 2017 03:45 pm

Vendetta, senza pietà.

Città del Messico, 21 marzo 2017

L’aguzzino Antonio Romero è stato  incornato dalla sua vittima, dopo aver infierito su di lei senza pietà . E tutto diventa spettacolo.

video e  articolo

(Fonte: www.video.corriere.it)

 

 

6 - altri luoghi di detenzione &7 - evasioni &approfondimenti 14 Mar 2017 11:57 pm

Fugge di notte dal reparto di psichiatria…trovato il cadavere sui binari.

Livorno, 14 marzo 2017

Aveva solo 43 anni . Era ricoverata da quasi un anno nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Livorno. Che si debba parlare di “fuga” da un luogo come un ospedale dovrebbe risultare alquanto paradossale, perché di solito non si fugge da un reparto sanitario: si esce, semplicemente. Dai reparti di psichiatria, al contrario, è legittimo e anche socialmente accettato che si possa solo fuggire.

Magari per buttarsi sotto ad un treno in corsa.

Articolo

(Fonte: www.firenze.repubblica.it)

Pagina successiva »