Category Archive8 – ribellioni



1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 24 Mag 2017 10:12 pm

Un gruppo di elefanti l’attaccano.

Gwai, Zimbawe, 21 maggio 2017

Theunis Botha, 51 anni, era famoso per i suoi stermini.

Stava conducendo un gruppo di cacciatori in Gwai, Zimbabwe, quando sono stati attaccati da un gruppo  di elefanti.

E’ morto  schiacciato dall’elefante a cui aveva appena sparato.

Avrà sentito, in quel momento,  l’urlo della savana levarsi chiaro e potente ?

Aticolo QUI

(Fonte: www.metro.co.uk )

 

1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 12 Mag 2017 06:19 pm

Il fantasma

Dal sito Contagio Antispecista:

“Riportiamo di seguito uno scritto ricevuto da Cappuccetto Nero in merito ad una favola moderna ambientata tra discriminazioni e menzogne, ma dal sapore di resistenza”.

“Lo hanno chiamato lo “spettro” per la sua elusività e la velocità con cui riesce a far perdere le proprie tracce.
Condannato a morte senza processo solo per aver semplicemente mangiato in montagne dove l’inverno è proibitivo, la sentenza, ad ora, non è stata ancora applicata, non hanno la minima idea di dove sia.
M75, questo il nome asettico dato a un lupo che in dicembre, probabilmente spinto dalla fame, ha superato i crinali delle alpi italiane per giungere in Svizzera. Acccusato per la sua naturale indole predatoria (secondo le autorità svizzere avrebbe ucciso più di 40 pecore) ora è braccato da decine di cacciatori armati di fucile e strumenti tecnologici, ma, nonostante i rastrellamenti di giorno e di notte, rimane uno spettro.
Un singolo lupo che uccide decine di pecore in un solo mese ha la stessa credibilità di un bimbo di 8 anni che solleva 200 kg di peso in palestra, solo in un caso un lupo colpisce con queste modalità, nel caso in cui entra in un recinto e, al chiuso, ha comportamenti simili alle volpi con le galline, le uccide in ambiente stretto inebriato dall’odore.
In natura i lupi predano quello che gli serve per sopravvivere, non fanno stragi. Fosse così in italia, che pare da studi approfonditi sullo studio dei lupi, ve ne sono circa 2000, in un mese sarebbero responsabili di 80.000 pecore morte, ridicolo.
Forse gli allevatori vogliono qualche incentivo? Nulla di male, lo sanno tutti che la maggior parte delle predazioni avviene per i cani erranti, abbandonati o lasciati in giro o semplicemente in gruppo, dove per nutrirsi attaccano spesso pecore e capre per sopravvivere. Solo che per predazioni di cani erranti non ci sono incentivi o risarcimenti, per i lupi si, quindi pure la nonna in cariola l’ha ammazzata un lupo, magari qualche soldo arriva.
Capita anche, spesso, che gli allevatori per mascherare animali malati, li lascino all’aperto per farli sbranare e così attribuire le colpe ai lupi per i risarcimenti.
Il lupo è un predatore opportunista, se non trova prede può nutrirsi di bacche per mesi, quando ha la possibilità di trovare una preda “domestica” (greggi isolati) può naturalmente attaccare il singolo animale che lui ritiene più facile, la singola pecora, la singola capra, in aperta zona fa così (si parla di lupi solitari non di branchi) cambia se si trova in un recinto chiuso, ma sembra che dalle notizie svizzere gli animali fossero al pascolo.
Dire che il lupo devasta decine di animali in natura, per giunta da solo, non solo è una palla grande come una casa, ma si fa informazione distorta e criminale.
Volete ammazzarlo? Non dite che è il lupo cattivo delle favole, non vi crede nessuno. Lo sappiamo che prima o poi lo ucciderete, trovandolo solo in cresta gli sparerete un bel proiettile in testa da un chilometro con i vostri mirini di merda, non meno, se no vi caghereste nelle mutande dalla paura ad affrontarlo, e farete festa per aver eliminato il pericolo più terribile della vostra vita, della vostra quotidianità inutile, delle vostre convinzioni imboccate da altri, un antagonista che vi ruba le prede, voi uomini-cartuccera superiori, ma ricordate, anche dopo averlo fatto, non diventerete eroi ma solo soldatini mediocri.
Intanto lo spettro continua a respirare con infinita dignità da 5 mesi e la vostra umiliazione è solo gigante serenità e gioia per il bosco, ma anche dopo che l’avrete ammazzato continuerà a farlo dentro di noi.
Corri amico, corri, corri fino al sole, corri in cima agli altopiani di neve, corri di notte in praterie bagnate, corri alla falce della luna, non fermarti mai, corri anche per chi non può farlo.
Il tuo nome non è M75 è libero”

 

Il fantasma

1 - storie di rivolta &4 - zoo &7 - evasioni &8 - ribellioni 12 Mag 2017 03:00 pm

Il circo dietro di sé

Clermont-Ferrand, 11 maggio 2017

Il circo nega la fuga, l’elefante era  fuori per una passeggiata!

Due minuti di evasione e di speranza prima di tornare alla sua  non vita. Lo immaginiamo, lo sentiamo dentro mentre la  musichetta del video, un concentrato beffardo di crudeltà, fa da colonna sonora alla sua breve e tormentata ricerca di una vita diversa.

Articolo ( Fonte: www.thelocal.fr)

1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 01 Mag 2017 02:01 pm

Noi stiamo con i tonni.

Camogli, 27 aprile 2017

Ridotta a brandelli la tonnara di Camogli. Tranciati i cavi e le reti. Si indaga su una nave pirata.

Articolo

(Fonte: www.ilsecoloxix.it)

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni &8 - ribellioni 20 Apr 2017 07:05 pm

Toro evade del mattatoio ma finisce in trappola

Ascoli Piceno, 19 aprile 2017

Inseguito e braccato dai vigili del fuoco, dalla polizia, dai carabinieri e dai medici del servizio veterinario, si ripara in un fosso.

E proprio qui viene decisa la sua fucilazione.

QUI l’articolo

(Fonte: www.ilrestodelcarlino.it)

(Foto :www. corriereadriatico.it)

2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni &8 - ribellioni &approfondimenti 14 Apr 2017 11:21 am

Del comprare animali

Il 30 marzo sei vitelli sono scappati da un mattatoio di St. Louis. I sei, per ore, sono sfuggiti ad ogni tentativo di cattura, facendo restare con il fiato sospeso migliaia di persone.

Migliaia di persone che, per le ore che la loro fuga è durata così come per i giorni immediatamente successivi, hanno gioito con loro, tenuto il fiato sospeso per loro, sperato per loro.

Come sempre accade quando un animale sfugge al suo destino e alla sua prigione, e diventa da cosa individuo. Scavalca i confini entro cui null’altro è se non merce, per appropriarsi di spazi altri, irrompendo nella nostra realtà antropizzata, costringendoci a guardarlo negli occhi e riconoscere nel suo sguardo il nostro stesso sguardo. Nella sua voglia di vivere la nostra. Nella sua ribellione ad un sistema che schiaccia, uccide e mercifica la nostra stessa ribellione.

Una volta ricatturati, i sei giovani vitelli sono stati ricondotti al mattatoio.

Per uscirne di nuovo dopo pochi giorni, ed essere condotti verso quella che presumibilmente sarà la loro ultima destinazione: il Gentle Barn Animal Sanctuary.

Subito dopo la loro cattura sono state organizzate raccolte fondi. Si parla di circa 20.000 dollari ottenuti.

Tanto è costata la vita dei sei giovani fuggitivi. Tanto da questa storia ha guadagnato il proprietario del mattatoio dove avrebbero dovuto morire (e dove – ininterrottamente, anche ora – si continuano ad uccidere giovani vitelli tali e quali a loro).

Un altro rifugio statunitense, il Farm Sanctuary, ha a tal proposito emesso un comunicato:

“Grazie a tutti coloro che hanno chiamato e che si sono interessati alla sorte dei sei vitelli fuggiti e ricatturati a St. Louis ieri.
Abbiamo ricevuto molte domande sulla possibilità da parte nostra di pagare la cifra richiesta dal loro proprietario per salvare la vita di questi sei coraggiosi individui.
La nostra posizione resta la seguente: quando noi acquistiamo un animale con il fine di salvarlo/a, non facciamo altro che contribuire all’acquisto dell’animale che lo/la sostituirà.
I 15.000 dollari che l’azienda ha ricevuto per soltanto tre di loro, avrebbero potuto essere usati per comprare migliaia di altri animali:

9,090 pulcini di ovaiola
6.976 pulcini di broiler
1.718 tacchini
300 agnelli
250 capre
75 maialini

Versare denaro nelle casse di mattatoi o allevamenti non fermerà lo sfruttamento animale. Nel nostro paese sono più di 10 miliardi gli animali uccisi ogni anno soltanto per farne cibo. Anche se se ne acquistassero e salvassero ogni anno 20.000, questi non sarebbero altro che un mero 0,0002 percento di quelli massacrati. Non possiamo competere con l’industria della carne sui numeri, e non può neanche essere quella dei numeri la nostra priorità nel salvare individui.
Solo cercando su annunci di vendita, giornali locali, o chiedendo ad allevamenti e fattorie nei dintorni, riempiremmo tutti e tre i nostri rifugi in meno di una settimana. Ma non saremmo “liberatori”. Saremmo “clienti”. Di fronte ad una realtà tanto devastante, fatta di gabbie e massacri, quello che possiamo e dobbiamo fare è cercare di aiutare quegli animali la cui vita può venir salvata usando sistemi che siano efficaci e funzionali al fine di modificare la realtà in cui gli animali sono costretti.
Salvare vite pagandole non è solo sbagliato, ma decisamente inutile. Senza acquistare un solo animale, Farm Sanctuary e i rifugi a noi vicini sono comunque traboccanti di vita.”

Non si può non essere concordi con queste parole. Razionalmente, politicamente, eticamente.

Se il nostro fine ultimo è il sovvertimento dell’attuale ordine delle cose, il superamento delle barriere di specie, la fine della reificazione dei corpi, del dominio dell’uomo sugli altri animali e sulla natura, è impensabile operare acquistando animali, ovvero riproducendo e alimentando proprio ciò contro cui ci battiamo: questo sistema, questo ordine economico, questa visione dei corpi di serie B come merce che possiamo acquistare pagandone il prezzo richiesto.

Se quello a cui tendiamo è la fine del massacro infinito di animali, non è acquistandone (cento? mille?) quanti possiamo, operando quindi all’interno della stessa macchina che stritola miliardi e miliardi di vite, che riusciremo a fermarla, la macchina. Ma solo se ad essa ci opponiamo, ne rompiamo gli ingranaggi, ne ostacoliamo il funzionamento.

Se ciò in cui crediamo è che ogni individuo sia unico, la sua vita preziosa e sacra, come prezioso e sacro il suo diritto alla libertà, dovremmo rigettare l’idea stessa che questo individuo, questa vita, abbiano un prezzo.

E non è facile.

Non lo è mai.

In un post su Facebook, il Barn Sanctuary risponde così a chi dubita sulla liceità di aver pagato per i sei vitelli:

“E’ una questione davvero difficile: non vogliamo dare soldi al mattatoio, ma non possiamo neanche girarci dall’altra parte, andarcene e lasciarli morire.”

Chi ha, nella sua vita, come chi scrive, visto trascinare via vitelline che erano ad un passo dalla salvezza, guardato i loro occhi terrorizzati; chi ha passato giorni e settimane a cercare di salvare un animale che aveva tentato la ribellione, ed era fuggito dalla sua prigione, passato calde giornate e notti piene di stelle assaporando la libertà, per poi essere ripreso e ricondotto indietro; chi si è sentito dire che animali sequestrati e tolti al loro aguzzino sono stati venduti al mercato del bestiame e risucchiati di nuovo nel nulla; chi ha visto e vissuto ed ascoltato tutto questo, sa quanto sia difficile, la questione.

Perché se da un lato ci sono la ragione, la politica, l’etica, dall’altra c’è emozione, e dolore, quel dolore lancinante allo stomaco, che ti ferma il respiro, al solo pensiero che da quel che tu decidi dipende la vita di qualcun altro.

Ma se sogni un mondo diverso, un mondo in cui tutti i maiali possano godersi le stelle delle notti d’agosto, e tutte le mucche i loro figlioli, questa decisione è davvero così difficile?

1 - storie di rivolta &3 - circhi &7 - evasioni &8 - ribellioni 08 Apr 2017 01:16 am

Il (breve) viaggio dell’elefante evaso dal circo Orfei.

Viterbo, 6 aprile 2017

Un elefante cammina lentamente nelle strade di Viterbo, trova qualcosa nei rifiuti, prosegue fino a quando non viene fermato.

Come Salomone, giunto dall’India per stupire le folle  : “Procedeva l’elefante con il suo passo misurato, senza premura, il passo di chi sa che per arrivare non sempre è necessario correre. All’improvviso una bambina  sui cinque anni […] si staccò dalla mano della madre e corse verso l’elefante. Un grido di spavento uscì dalla gola di quanti si accorsero della tragedia imminente, le zampe dell’animale che travolgevano e calpestavano il povero corpicino,[…] un lutto, una terribile macchia di sangue nello stemma della città.  Significava non conoscere salomone. Avviluppò con la proboscide il corpo della bambina come se l’abbracciasse e la sollevò in aria come una nuova bandiera, quella di una vita salvata all’ultimo istante, quando ormai era perduta”

Josè Saramago, Il viaggio dell’elefante

QUI la notizia

(Fonte: www.viterbonews24.it)

1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 08 Apr 2017 12:05 am

Storie di ordinaria tortura. La notizia fa scalpore quando il torturato è anche lo stalliere che le denuncia.

Circolo ippico di Caluso (TO), 4 aprile 2017.

Piena solidarietà alle vittime dell’equitazione.

Articolo QUI

(Fonte: www.corriere.it)

 

 

1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 04 Apr 2017 10:14 pm

Crowfounding per salvare i 6 ribelli

St Louis, 3 aprile 2017

Sei manzi sono fuggiti dal macello di St Louis. Tra loro, Chico, ha eluso la polizia per ore, tra una folla che faceva il tifo per lui.

Ora una campagna di raccolti fondi dovrebbe garantire a tutti i sei ribelli  il trasferimento in un rifugio.

QUI l’articolo e i video.

(Fonte: www. stltoday.com)

 

1 - storie di rivolta &6 - altri luoghi di detenzione &8 - ribellioni 04 Apr 2017 02:53 pm

Un altro toro riesce a trovare la forza per ribellarsi al suo carnefice

Madrid, 3 aprile 2017

Il torero Daniel García Navarrete  è stato incornato nella sua corrida d’esordio nella più grande arena spagnola, Las Ventas, a Madrid.

Notizia qui

(Fonte.www.ilfattoquotidian0.it)

 

Pagina successiva »