Category Archive8 – ribellioni



1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &8 - ribellioni 16 Ago 2018 01:29 pm

E la mandria calpesta a morte l’allevatore.

Groombridge, Sussex – UK, 11 agosto 2018

Quando hanno trovato il corpo dell’uomo, il toro era ancora infuriato. La Polizia, con la solerzia che la contraddistingue, lo ha immediatamente ucciso sul posto.

QUI la notizia.

(Fonte: www.bbc.co.uk)

 

1 - storie di rivolta &3 - circhi &7 - evasioni &8 - ribellioni 16 Ago 2018 12:07 am

Ambra e il profumo dei cocomeri.

Tarquinia, 10 agosto 2018

Una dromedaria scappa dal Rony Roller Circus.  La sua  libertà profuma di cocomeri e riesce a rimpinzarsene  fino a crollare a terra, sazia.

Nell’articolo le solite ipocrite dichiarazioni dei circensi :«Per noi Ambra è come una nonna – dice Rony -. La chiamiamo “La vecchietta” perché sta insieme a noi da tantissimi anni e non si esibisce più negli spettacoli».

Pagliacci!

Articolo

(Fonte: www.ilmessaggero.it)

 

1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 15 Ago 2018 11:35 pm

Ancora una volta, un incontro mancato.

Lago Naivasha, Kenia, 13 agosto 2018

Un ippopotamo si ribella e attacca  il fotografo.

“L’ideologia sottesa è chiara: a essere osservati sono sempre gli animali. Il fatto che essi possano osservare noi ha perso ogni importanza. Gli animali sono l’oggetto del nostro sapere in costante ampliamento.Ciò che scopriamo di loro  è un indice del nostro potere, e dunque un indice di ciò che ci separa da loro. Più li conosciamo, più sono distanti”

J. Berger, Sul guardare, (p. 17) citato a p. 55 di Un incontro mancato, B. Piazzesi e S. Belacchi, Mimesis

Ippopotamo attacca e uccide turista che tenta di fotografarlo: “È più letale del leone”

(Fonte: www.castedduonline.it)

1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 30 Lug 2018 11:30 am

E l’orso ci rimette la pelle…

Isole Svalbard, Norvegia, 29 luglio

Curiosità per una incredibile porzione di mondo e per le sue popolazioni? L’orso non gradisce, attacca i turist* e viene ucciso.

QUI la notizia  
( ilgazzettino.it)

 

Authorities search the coastline, Saturday, July 28, 2018, after a polar bear attacked and injured a polar bear guard who was leading tourists off a cruise ship on the Svalbard archipelago archipelago between mainland Norway and the North Pole. The polar bear was shot dead by another employee, the cruise company said. (Gustav Busch Arntsen/Governor of Svalbard/NTB Scanpix via AP)

1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 18 Lug 2018 12:46 am

“.. se vuole, sa far male”

Roma, luglio 2018

La brutta bestia dell’articolo è un ragno violino, così lo chiamano. Il suo carattere è schivo – dicono gli esperti – resta nascosto e vive in disparte, come fosse un eremita.Vive tranquillo nei solai, nei luoghi appartatati e tranquilli  e generalmente non attacca ma quando “si incattivisce” – dicono sempre gli esperti – ( quando cioè lo disturbano, lo stanano, lo attaccano) arriva addirittura a mordere…pensate un po’!

L’articolo

(Fonte:www.ilmessaggero.it )

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni &8 - ribellioni 11 Lug 2018 08:26 pm

Scappa dal mattatoio prima di essere macellato.

Carmaux (FR), 10 luglio 2018

Ha reagito con forza ai tentativi di cattura della polizia ed è stato colpito da ben due proiettili di sedativo prima di cedere. La pena di morte viene così ritardata…

Ora la Fondazione Brigitte Bardot ha proposto di accoglierlo nel suo rifugio ma la decisione finale, purtroppo, spetta all’allevatore.

Notizia qui.

(Fonte: www.francesoir.fr )

1 - storie di rivolta &3 - circhi &7 - evasioni &8 - ribellioni 21 Giu 2018 01:29 pm

Ancora un elefante fuori dal circo.

CastelPlanio (AN), 20 giugno 2018.

Nell’articolo si scrive che il circo, dopo aver aperto il tendone, avrebbe “perso” uno dei suoi elefanti. Si derubricano sempre questi fatti imputandoli alla superficialità, incompetenza o disattenzione dei carcerieri. In realtà anche questa (ennesima) fuga è stata un’evasione in piena regola.

 

Notizia qui.

(Fonte: www.ilrestodelcarlino.it)

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni &8 - ribellioni 19 Giu 2018 11:24 pm

Al di là del ruolo produttivo-riproduttivo.

San Martino in Strada (Forlì), 19 giugno 2018

Una mucca era riuscita a fuggire durante il carico su un camion. Dopo tre ore di inseguimento aveva attaccato gli inseguitori ad ogni tentativo di cattura. L’avevano anche costretta dentro un cortile, ma ce l’aveva fatta a scappare anche da lì. Alla fine l’hanno ammazzata, della serie  delitto con connivenza delle autorità.. e portata via con un trattore. Eppure lei inseguiva solo un sogno.

Articolo di www.forlitoday.it

 

 

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &8 - ribellioni 14 Giu 2018 02:11 pm

Ancora un vitello disubbidiente. Ancora un vitello ucciso.

Minerbe (VR), 13 giugno 2018

“Lo scandalo succede sempre quando qualcuna delle innumerevoli e multiformi gerarchie su cui si regge il mondo è messa in crisi da uno dei gruppi che nell’ordine costituito hanno ricevuto in sorte l’obbedienza, Tutto andrebbe bene, anzi MALISSIMO, se gli operai potessero accontentarsi di obbedire ai padroni, i neri ai bianchi, i sudamericani ai nordamericani, ecc. E le mogli ai mariti, i figli ai genitori, gli studenti ai professori…e via dicendo. L’ordine regnerebbe allora in tutte le Varsavie immaginabili e la storia si fermerebbe, perché la storia è disobbidienza. ”

Gianni Rodari, 1968.

QUI l’articolo

(Fonte: ww.larena.it)

2 - allevamenti e macelli &8 - ribellioni &approfondimenti 14 Giu 2018 12:45 pm

Piccoli miracoli di Resistenza

In una discarica della Georgia un allevatore ha buttato centinaia di uova considerate avariate, ma, per una strana coincidenza, proprio in quel periodo e in quel luogo, si sono verificate le condizioni perché si schiudessero permettendo la nascita di centinaia e centinaia di pulcini. I video disponibili in rete sono impressionanti, una massa gialla pigolante, vivace, festosa che corre in mezzo alla spazzatura manifestando la sua inequivocabile voglia di vivere. I pulcini, poi, sono usciti dalla discarica raggiungendo le porte della città di Marneuli, hanno invaso le strade e molti abitanti, sbalorditi e disorientati, hanno aperto le porte, hanno cercato di salvarli e molti sono stati adottati.
In quegli stessi giorni la nave Acquarius sostava in mare aperto perché il governo italiano non permetteva il suo approdo a Pozzallo. Una nave piena di gente che fugge, gente esausta, ferita, gente nata e cresciuta in mezzo alla povertà e all’ingiustizia, gente che cerca disperatamente di vivere, ma che deve fare i conti con le frontiere e i capricci razzisti di chi non permette la libera circolazione, di chi ha bisogno di un nemico su cui sfogare la sua frustrazione, di chi respinge tutto ciò che è diverso. Proprio in quella nave, mentre si discuteva e si battevano i pugni sul tavolo, è nato un bambino che si chiama Miracle. Sua madre è stata rinchiusa e torturata nelle carceri libiche, poi è riuscita a fuggire con il suo compagno, si è nascosta a casa di amici e poi si sono imbarcati tentando il tutto per tutto, tentando di raggiungere l’Europa. Il bambino è nato durante il viaggio, un piccolo miracolo laico di resistenza che, insieme al miracolo dei pulcini della Georgia, ci racconta una storia ben diversa rispetto ai tristi, freddi e squallidi venti di chiusura che tirano in questo periodo. La storia di chi vuole vivere a tutti i costi, anche se nasce in una discarica perché è un rifiuto, anche se si trova dalla parte sbagliata del mondo, anche in mezzo alle violenze, anche se mancano le condizioni più elementari per la sopravvivenza. E mentre l’intero pianeta celebra la nascita dei royal baby, dal mare arrivano navi cariche di altri bambini, i figli che non vuole nessuno, i figli dello sfruttamento e dei saccheggi, scarti di una lavorazione industriale sempre più fondata sul dominio, l’ignoranza, la chiusura e l’ingiustizia. Ma anche piccoli segni di resistenza e di speranza.

Troglodita Tribe

Pagina successiva »