Category Archive4 – zoo



1 - storie di rivolta &4 - zoo &7 - evasioni 14 Apr 2018 10:33 pm

Volare via

Scozia, 9 aprile 2018

Un ibis africano è evaso dallo zoo. Dopo alcuni giorni la sua presenza è stata notata a sei miglia di distanza.

QUI (http://www.bbc.com)

1 - storie di rivolta &4 - zoo &8 - ribellioni 06 Apr 2018 10:23 am

Santino, lo scimpanzé lancia-pietre che pianifica i suoi attacchi

di  ALESSIA MANFREDI (repubblica.it)

 

A FURUVIK, in Svezia, un’innocua gita allo zoo rischia di prendere una piega spiacevole. Una volta arrivati davanti agli scimpanzè, gli ignari visitatori si trasformano all’improvviso in bersagli umani, rischiando di essere colpiti da una sassaiola di pietre e costretti a battere in ritirata. Il colpevole? Santino. L’irascibile scimpanzè che ha fatto dannare i responsabili del parco zoologico, è diventato un caso di studio per gli scienziati, che nel suo comportamento hanno visto una prova chiara della capacità di pianificare eventi futuri.

Santino è sotto osservazione dal 1997, quando si sono verificati i primi attacchi e lo zoo è stato costretto ad intervenire per proteggere i visitatori. Il suo modo di agire, spiegano i ricercatori su Current Biology, rivela una complessa capacità di pensare e programmare, una facoltà che distingue in modo particolare l’uomo.

Ogni mattina, prima dell’apertura dello zoo, Santino raccoglie in tutta calma le pietre e le ammonticchia in un posto sicuro, dove poi, solo molte ore più tardi, nel pieno del flusso turistico, le prende per usarle come proiettili. Non solo. Quello che ha colpito in particolare i ricercatori è il fatto che lo scimpanzè ha imparato a capire, nelle rocce che circondano la zona dove viene tenuto, quali parti possono facilmente staccarsi e diventare nuove munizioni. Se ci sono infiltrazioni d’acqua nella roccia, quando gela alcune porzioni si staccano con facilità. Battendo sul masso in quei punti, si sente un suono vuoto. Santino è stato osservato picchiettare sulla pietra e poi battere più forte nei punti giusti e staccare i proiettili per i suoi attacchi premeditati.

Prove chiare del fatto che “gli scimpanzè hanno una coscienza molto sviluppata, compresa la capacità di simulare mentalmente situazioni della vita reale”, ha spiegato Mathias Osvath della Lund University, in Svezia, uno degli autori dello studio. “Hanno un mondo interiore proprio come noi, quando pensiamo ad eventi passati della nostra vita o pensiamo ai giorni che verranno”, continua Osvath.

I ricercatori hanno già osservato in passato che molte scimmie, sia in cattività che libere in natura, riescono a pianificare azioni. Finora, però, non era stato possibile capire se questo comportamento era il risultato di un bisogno immediato – come quando prendono una pietra per schiacciare una noce che hanno davanti – oppure l’anticipazione di un evento futuro. Santino, invece, raccoglie i suoi proiettili la mattina presto, quando è calmo, e le usa solo molte ore dopo, quando è agitato dalla presenza dei visitatori. Osvath e colleghi non hanno dubbi: ha la capacità di anticipare un evento che accadrà solo in futuro e di preparsi al meglio.

(10 marzo 2009)

1 - storie di rivolta &4 - zoo &7 - evasioni 17 Feb 2018 09:42 am

Kumar si racconta

Greenville zoo (South Carolina), 23 gennaio 2018

Kumar, orangutan di 12 anni, ormai è considerato un fuggiasco seriale. Solo nell’ultimo anno, tre le sue evasioni con le quali ha dimostrato di farsi beffe di chi continua a tenerlo rinchiuso. L’ultima volta, dopo un intervento di sostituzione di un pannello, ha individuato un cavo da sfilare e si è fatto un varco nella rete per uscire. Ora questa apertura è stata chiusa con dei lucchetti, ma il direttore dello zoo, nonostante le continue misure adottate,  ha ammesso di aspettarsi nuove fughe dell’irriducibile Kumar che definisce “un adolescente curioso e ribelle”.
QUI un articolo (abcnews.go.com)


1 - storie di rivolta &4 - zoo &7 - evasioni 26 Gen 2018 11:26 pm

Cinquanta babbuini evadono dallo zoo di Parigi. Quattro ancora liberi.

Zoo di Vincennes, 26 gennaio 2018.

E si è scatenato il caos. L’articolo parla di scene di guerra: tiratori scelti armati di fucili con siringhe ipodermiche, allerta dei vigili del fuoco, polizia e prefettura, strade bloccate… ma la resistenza non si ferma.

Articolo

(Fonte: www.corriere.it)

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &4 - zoo &7 - evasioni &8 - ribellioni 23 Gen 2018 02:42 pm

Attenzione agli struzzi!!!

Questi uccelli giganti sono fra gli animali più sfruttati: per carne e uova, per la pelle, per le piume, per la corsa, per l’olio. Spesso però evadono e sferrano attacchi che possono essere mortali, data la loro grandezza, velocità e determinazione.




(Foto: Aggressione in Sud Africa)
Aggressione a Savona (2017)

Uno struzzo sulla strada…


Pisa, evasione. 2014
Fuga in autostrada, Cina 2014 (VIDEO)
Ricercato nel Regno Unito, 2015 (VIDEO)
Evasione dall’allevamento, Cina 2016 (VIDEO)

1 - storie di rivolta &4 - zoo &7 - evasioni 14 Dic 2017 12:09 pm

Una gorilla evade dalla gabbia dello zoo

Houston, 2 dicembre 2017

È evasa dallo spazio in cui è confinata. È riuscita a superare la barriera che separa il suo piccolo gruppo da un altro gruppo di prigionier*. Qui poi è stata ripresa.

La notizia

1 - storie di rivolta &4 - zoo &8 - ribellioni 06 Nov 2017 05:18 pm

La ribellione alla prigionia di Typhoon, un maschio di tigre siberiana.

Kaliningrad Zoo, Russia, 5 novembre 2017

Ha attaccato la dipendente dello zoo che gli portava il cibo e che ora è in condizioni critiche all’ospedale..

La prigionia è sempre intollerabile.

 

Female Zookeeper Badly Mauled By A Tiger At Kaliningrad Zoo, Russia

(Fonte: www.trendspoint.com )

1 - storie di rivolta &4 - zoo &7 - evasioni &8 - ribellioni 02 Nov 2017 06:57 pm

Lilith, colei che non si assoggetta.

Borth Wild Animal Kingdom Park /Galles, 2 novembre 2017

Lilith la lince, è fuggita da uno zoo in Galles, una settimana fa. L’hanno anche vista, libera, e le hanno  scattato persino una foto ma senza riuscire a ricatturarla. Uno degli uomini incaricati di ritrovarla ha detto “Mi sono seduto a guardarla per circa 10 minuti. Sembrava rilassata e in buona salute e ha continuato a lavarsi a non più di dieci metri da me. È stato un momento magico … ma prima la riprendiamo meglio è”. Dicono che sia riuscita a saltare oltre una rete alta 4 metri e passare attraverso due cordoni di alta tensione “solo” per catturare un uccello… Dire invece che è fuggita “solo”per ritrovare la libertà, sarebbe una sconfitta morale  troppo umiliante per tutti gli zoo del pianeta.

Articolo

(Fonte: www.theguardian.com)

1 - storie di rivolta &4 - zoo &7 - evasioni &8 - ribellioni &approfondimenti 19 Ott 2017 01:36 pm

Gli oranghi, la resistenza e lo zoo- La storia di Ken Allen e Kumang

DI JASON HRIBAL
Counterpunch

Pancia piena e intrattenimento potranno forse funzionare con gli umani, ma gli oranghi necessitano di un diverso mix di incentivi. Per controllarli ci vogliono sesso e banane, al cui cospetto si trovano quasi smarriti. È l’istinto, ovvio. Ma quel che è certo è che, se fossero riusciti a scoprire il giusto cocktail istintuale, i responsabili dello zoo di San Diego avrebbero potuto risolvere il loro problema con gli oranghi prima che peggiorasse ulteriormente. Tante banane, qualche compiacente partecipante di sesso femminile, e tempo era tutto ciò che ci voleva.

I veri sforzi iniziarono nell’estate del 1985. La nuova esposizione “Cuore dello zoo” era stata aperta tre anni prima e le operazioni quotidiane non potevano andare meglio. Ma poi quel dannato Ken Allen cominciò a fare i capricci. Ken era nato nel febbraio del 1971 da Maggie e Bob del San Diego. Ufficialmente era un orango del Borneo, sebbene non avesse mai messo piede sull’isola e non sapesse nulla della cultura arborea. Sarebbe più corretto classificarlo come un orango da zoo. La vita dell’istituto era l’unica che Ken avesse mai conosciuto. Lo zoo era il luogo in cui era nato, e lo zoo fu il luogo in cui morì di linfoma nel 2000. Nel frattempo, Ken dovette quotidianamente affrontare la cattività. Paradossalmente, lo zoo di San Diego comprese fin dall’inizio che sarebbe stato più difficile da gestire rispetto ai precedenti oranghi dell’istituto.

Nella foto: Ken Allen

Nella sua cameretta, Ken svitava tutti i dadi che riusciva a trovare e rimuoveva i bulloni. I custodi non facevano a tempo a rimetterli a posto che lui ricominciava. E non lo si riusciva a tenere nella sua stanza. Una delle sue macchinazioni preferite, secondo la descrizione di un addestratore, consisteva nell’“afferrare la mano di qualcuno che la stesse sventolando e tirarsi su dondolandosi”. A quel punto cercare di riprendere la piccola scimmietta rossa diventava un’impresa. In ogni modo la sua vita da adulto era destinata a rappresentare una sfida di gran lunga maggiore per lo zoo. Infatti, quando Ken fu trasferito per la prima volta nell’esposizione “Cuore dello zoo”, lo sorpresero che scagliava pietre conto un’equipe televisiva che stava filmando i gorilla attigui. Quando non ci furono più pietre, Ken lanciò i propri escrementi. L’equipe si disperse. Ironicamente un problema simile si sarebbe verificato allo zoo parecchi anni dopo. Nell’esposizione erano state installate grandi finestre di vetro e gli oranghi presero a scagliarvi contro delle pietre. I responsabili del San Diego subito istituirono un programma di scambio. Ogni pietra non lanciata era una banana guadagnata. Ma gli oranghi non erano interessati e continuarono a cercare di rompere le finestre. Alla fine il parco chiamò un’impresa affinché scavasse l’intera pavimentazione dell’esposizione per rimuovere tutte le pietre, dato che la sostituzione di ogni vetro infranto costava allo zoo 900 dollari. Che successe poi? Gli oranghi cominciarono a strappare dal muro gli isolanti in ceramica e a lanciare quelli, invece. Era evidente che gli animali volevano proprio uscire.


Continue Reading »

1 - storie di rivolta &4 - zoo &7 - evasioni &8 - ribellioni 18 Ago 2017 11:48 am

Wanted…ma lei rimane nascosta sotto un albero per due settimane.

Zoo Shibukawa,  Giappone, 1 agosto 2017.

Su di lei anche una taglia.Era alla sua seconda evasione.

Qui l’articolo

(Fonte: www.lastampa.it)

 

Pagina successiva »