Monthly Archiveottobre 2017



1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 31 Ott 2017 07:41 pm

..e il cinghiale carica il cacciatore.

Riccò del Golfo (la Spezia), 30 ottobre 2017

L’uomo sarebbe scivolato in un dirupo in seguito alla carica di un cinghiale, al quale aveva sparato senza però riuscire ad abbatterlo.

Qui l’articolo di www.lanazione.it

 

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &8 - ribellioni 30 Ott 2017 08:52 pm

Un bufalo scappa dal macello e travolge tutto quello che gli sbarra la fuga.

Yancheng,  Cina, 30 ottobre 2017

Purtroppo  una donna incinta rimane travolta e ferita dalla sua furia.

Lui sarà ricondotto al mattatoio.

QUI l’articolo

(Fonte: www.ilsussidiario.net)

1 - storie di rivolta &3 - circhi &7 - evasioni 28 Ott 2017 04:14 pm

Elefantessa evasa dal circo

Sassari, luglio 2017

Pochi passi fuori di prigione.

il VIDEO

Qui la notizia (sardegnalive.net)

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &8 - ribellioni 28 Ott 2017 01:59 pm

Una vecchia storia: la ribellione è pazzia.

Contea di Floyd, Georgia US, 26 ottobre 2017

Un animale che resiste e si ribella dev’essere pazzo, in questo caso una ” mad cow”, una mucca pazza. Non si sa se l’animale sia stato costretto ad un cambio di pascolo o spinto nel tentativo di caricarlo sul furgone verso il mattatoio. Di certo la relazione con l’allevatore non era idilliaca se questa mucca si è difesa e lo ha sbattuto contro il recinto. L’uomo è poi deceduto.

QUI articolo

(Fonte: www.nypost.com)

approfondimenti 23 Ott 2017 07:34 pm

“Forse un giorno si ribelleranno anche i cavalli.”

Forse un giorno si ribelleranno anche i cavalli, diceva una frase di quegli anni attribuita a Mao, come a spiegare metaforicamente e letteralmente che il bisogno di libertà era più grande dell’umanità che lo pone, e ne avrebbe prima o poi ridisegnato i confini… Ecco, nel manicomio di Trieste tutto comincia simbolicamente da un cavallo, Marco, che da anni tira il carretto con dentro i panni per la lavanderia, e altro materiale. Fattosi oramai troppo vecchio per continuare a lavorare, Marco è destinato alla vendita per il macello: ma i suoi amici umani, i degenti del manicomio, insorgono e, in collaborazione con gli operatori del laboratorio di scrittura, redigono a suo nome una lettera al Presidente della Provincia, chiedendo un meritato pensionamento. Siamo nel 1972: Marco avrà salva la vita, e i pazienti hanno per la prima volta da sempre affermato il loro diritto a esistere come soggetti politici a tutti gli effetti. Poi, nel 1973, ispirandosi a questa storia, degenti, operatori, artisti invitati da fuori occupano il padiglione P (come Paradiso, dicono scherzosamente alcuni), lo adibiscono a laboratorio artistico, e costruiscono un gigantesco cavallo di legno e cartapesta azzurra: appunto, Marco Cavallo. La sua pancia è piena dei sogni, dei desideri, della gioia di vivere, dell’urgenza di libertà degli internati – insomma, si tratta di un novello cavallo di Troia, ma alla rovescia, perché ora non è più questione di entrare dentro, ma di uscire fuori, è il mondo che si vuole assediare, la cittadella da conquistare… Ed esce, Marco Cavallo, sempre nel 1973, solo che è troppo grande per passare per la porta, bisogna buttare giù un muro, aprire un varco nella recinzione del manicomio: così, finalmente libero, Marco Cavallo può andare in giro per la città, accompagnato da centinaia di matti…”

alfabeta2.

Articolo intero :

Speciale / Franco Basaglia, l’unica rivoluzione italiana

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &approfondimenti 23 Ott 2017 12:14 pm

Una storia di resistenza animale ispirata ad un racconto

Dal libro  “La ribellione degli animali”

Alcune pagine qui

www.orticaeditrice.it

1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 23 Ott 2017 11:51 am

La rivincita di un rinoceronte.

Etosha National Park, Namibia, 22 0tt0bre 2017

E’ sbucato dal nulla e ha attaccato i bracconieri, ferendone gravemente  uno alla gamba.

 

Articolo (Fonte: www.notizie.tiscali.it)

1 - storie di rivolta &5 - laboratori &8 - ribellioni 20 Ott 2017 08:00 pm

Cile – ALF: liberazione e solidarietà con i ratti detenuti nei laboratori dell’università

Santiago de Chile, ottobre 2017

Liberi 120 ratti.

Durante la prima settimana di ottobre 2017, gli attivisti  ALF sono entrati in un laboratorio del Dipartimento di Ecologia dell’Università del Cile, liberando  i roditori  che  erano detenuti in quel luogo. Gli attivisti , dopo aver liberato gli  animali sequestrati (principalmente ratti), hanno distrutto l’infrastruttura del luogo con tutti i documenti di “indagine”. I roditori liberati erano utilizzati in esperimenti che tentavano di dimostrare i cambiamenti fisiologici dovuti al cambiamento climatico.

Nel testo lasciato dopo la liberazione e l’attacco al laboratorio dell’Università del Cile, si legge:

“Oggi ci alziamo e agiamo per rompere le gabbie della scienza e del progresso. Solidarizziamo con i ratti che erano imprigionati. Rifiutiamo le scuse utilizzate per giustificare l’autorità dei camici bianchi.  Perciò attaccheremo ogni ricerca che preveda l’uso di animali non umani come soggetti sperimentali, perché scommettiamo sulla distruzione /abolizione di tutte le forme di sfruttamento, incluso lo specismo. …”

 

Articolo :

Atacado laboratorio de experimentación animal y liberados 120 ratones en Santiago de Chile.

(Fonte: www.frentedeliberacionanimal.net)

1 - storie di rivolta &4 - zoo &7 - evasioni &8 - ribellioni &approfondimenti 19 Ott 2017 01:36 pm

Gli oranghi, la resistenza e lo zoo- La storia di Ken Allen e Kumang

DI JASON HRIBAL
Counterpunch

Pancia piena e intrattenimento potranno forse funzionare con gli umani, ma gli oranghi necessitano di un diverso mix di incentivi. Per controllarli ci vogliono sesso e banane, al cui cospetto si trovano quasi smarriti. È l’istinto, ovvio. Ma quel che è certo è che, se fossero riusciti a scoprire il giusto cocktail istintuale, i responsabili dello zoo di San Diego avrebbero potuto risolvere il loro problema con gli oranghi prima che peggiorasse ulteriormente. Tante banane, qualche compiacente partecipante di sesso femminile, e tempo era tutto ciò che ci voleva.

I veri sforzi iniziarono nell’estate del 1985. La nuova esposizione “Cuore dello zoo” era stata aperta tre anni prima e le operazioni quotidiane non potevano andare meglio. Ma poi quel dannato Ken Allen cominciò a fare i capricci. Ken era nato nel febbraio del 1971 da Maggie e Bob del San Diego. Ufficialmente era un orango del Borneo, sebbene non avesse mai messo piede sull’isola e non sapesse nulla della cultura arborea. Sarebbe più corretto classificarlo come un orango da zoo. La vita dell’istituto era l’unica che Ken avesse mai conosciuto. Lo zoo era il luogo in cui era nato, e lo zoo fu il luogo in cui morì di linfoma nel 2000. Nel frattempo, Ken dovette quotidianamente affrontare la cattività. Paradossalmente, lo zoo di San Diego comprese fin dall’inizio che sarebbe stato più difficile da gestire rispetto ai precedenti oranghi dell’istituto.

Nella foto: Ken Allen

Nella sua cameretta, Ken svitava tutti i dadi che riusciva a trovare e rimuoveva i bulloni. I custodi non facevano a tempo a rimetterli a posto che lui ricominciava. E non lo si riusciva a tenere nella sua stanza. Una delle sue macchinazioni preferite, secondo la descrizione di un addestratore, consisteva nell’“afferrare la mano di qualcuno che la stesse sventolando e tirarsi su dondolandosi”. A quel punto cercare di riprendere la piccola scimmietta rossa diventava un’impresa. In ogni modo la sua vita da adulto era destinata a rappresentare una sfida di gran lunga maggiore per lo zoo. Infatti, quando Ken fu trasferito per la prima volta nell’esposizione “Cuore dello zoo”, lo sorpresero che scagliava pietre conto un’equipe televisiva che stava filmando i gorilla attigui. Quando non ci furono più pietre, Ken lanciò i propri escrementi. L’equipe si disperse. Ironicamente un problema simile si sarebbe verificato allo zoo parecchi anni dopo. Nell’esposizione erano state installate grandi finestre di vetro e gli oranghi presero a scagliarvi contro delle pietre. I responsabili del San Diego subito istituirono un programma di scambio. Ogni pietra non lanciata era una banana guadagnata. Ma gli oranghi non erano interessati e continuarono a cercare di rompere le finestre. Alla fine il parco chiamò un’impresa affinché scavasse l’intera pavimentazione dell’esposizione per rimuovere tutte le pietre, dato che la sostituzione di ogni vetro infranto costava allo zoo 900 dollari. Che successe poi? Gli oranghi cominciarono a strappare dal muro gli isolanti in ceramica e a lanciare quelli, invece. Era evidente che gli animali volevano proprio uscire.


Continue Reading »

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni &8 - ribellioni 18 Ott 2017 07:36 pm

Fugge da un macello e la gente fa il tifo per lui.

Brooklyn, N.Y., 17 ottobre

Lui è  Shankar, con le sue inconfondibili orecchie color caramello. Martedì 17 ottobre è  riuscito a liberarsi ed è fuggito da un mattatoio di Brooklyn.

Con l’aiuto di amici solidali vivrà sereno. Anche questa volta la ribellione di un animale ha messo in moto tutta una serie di dispositivi polizieschi e creato scompiglio emotivo. Chi ha assistito alla sua fuga ha fatto il tifo prima ancora di rendersi conto di come un animale come lui ogni giorno ridiventa invisibile quando finisce nel piatto o in quello che indossiamo. Per ogni ribellione, resistenza, per ogni anonimo morso dato all’allevatore o agli aguzzini della vivisezione, per ogni fuga non riuscita, per ogni grido, per ogni felicità negata, lotta solidale!! Evviva Shankar.

Articolo qui

(Fonte: www.nydailynews.com )

 

Pagina successiva »