Monthly Archiveottobre 2014



1 - storie di rivolta &3 - circhi &8 - ribellioni 31 Ott 2014 04:11 pm

Un alligatore si ribella durante lo ‘spettacolo’

Parma, ottobre 2012

Durante la forzata esibizione, l’alligatore si ribella e va verso gli spalti. Viene prontamente ripreso ed allontanato dalla scena.

QUI IL VIDEO  (Repubblica.it)

alligatore-circo-martini-600x375-300x187

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 30 Ott 2014 04:14 pm

Nuova evasione dal macello di Torino

Torino, 29 ottobre 2014

Un toro, questo toro, è riuscito a scappare via dal mattatoio.

E tutti al suo inseguimento, per riportarlo a morire.

QUI la notizia  (repubblica.it)

 

171139879-07425b90-b6a4-4f9c-a28c-36a15a7a4e56

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &8 - ribellioni 27 Ott 2014 10:05 am

Nelle stalle dove la ribellione è latente

Virle (To), 25 ottobre 2014

Negli allevamenti si cova la ribellione. Lo ammettono gli allevatori stessi, come si legge in questo articolo: “Purtroppo con gli animali incidenti simili possono capitare. Basta che il toro si innervosisca”.  Non ci si interroga però sulle ragioni del ‘nervosismo’. Avere la propria vita manipolata, interamente gestita da altri nei bisogni fondamentali, forse è una ragione sufficiente per essere ‘nervosi’ e poi, per esplodere.

Riportiamo questa notizia col profondo rammarico che si prova di fronte alla sofferenza di tutti.

Qui la notizia  (repubblica.it/Torino)

(foto d’archivio)

IMGP4014

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 23 Ott 2014 10:19 am

Jefferson

Michigan (Usa), dicembre 2003

Jeff

“I 50 miliardi di animali che ogni anno attraversano i nonluoghi dell’alimentazione umana sono privi di nome, sono nudi e, pertanto, già cadaveri prima di essere uccisi. Lo stesso vale per i laboratori della sperimentazione animale, uguali in tutte le parti del mondo e riempiti da animali con un codice (generico, genetico o transgenico) e quindi perfettamente uguali uno all’altro e infinitamente sostituibili. E così per tutte le gabbie di tutte le pratiche che trasformano esseri viventi in oggetto, merce e forza-lavoro. (…) Dare o, meglio, restituire un nome agli animali rappresenta allora un gesto eminentemente rivoluzionario, quel gesto che mette le cose a posto, che riunifica le parti smembrate, che mette in scacco le pratiche di riduzione dell’Altro, che ricusa la nostra visione gerarchica del mondo.” (Massimo Filippi, Not in my name, in Nell’albergo di Adamo, Mimesis 2010)

Un manzo – giovane bovino castrato perchè subito destinato alla produzione della carne – viene portato alla locale ‘asta del bestiame’. Venduto, sta per essere caricato sul camion e trasportato al macello. Ma lui strattona, si divincola con tutta la sua forza. Riesce a fuggire e corre per chilometri finchè non lo fermano con un dardo col sedativo. Chi ha assistito alla sua ribellione è colpito nel profondo, a loro il giovane animale ha comunicato tutta la sua paura, la sua frustrazione, la sua determinazione ad agire per la propria vita. Parte una consistente mobilitazione, si raccolgono fondi per ‘acquistare’ il manzo: si continua a pensare che una vita possa corrispondere  ad una somma di denaro. Nel frattempo il manzo viene riportato  nella fattoria.

“Ha messo la faccia sul cibo. Guardare un hamburger di carne avvolto in un pacchetto di cellophane  non è lo stesso che guardare quel volto. Ha toccato molte persone. Ha ottenuto di farle pensare. E’ diventato un ambasciatore per la sua specie.” Questo uno dei commenti.

Poi il trasferimento al santuario Sasha Farm, presso Manchester.

Un pompiere che aveva partecipato alla cattura, pochi giorni  dopo chiama il santuario  per sapere cosa stesse facendo il celebre bovino: “Abbiamo avuto cheeseburger oggi presso la caserma dei pompieri – dice –  e non ho potuto mangiare. Non riuscivo a smettere di pensare a quella vacca. E mi piace il cheeseburger!”

Quel manzo ribelle ora si chiama Jefferson.

Qui il video

(fonte: sashafarm.org)

 

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 22 Ott 2014 05:48 pm

Bella

Michigan (Usa), 2010

Il 22 luglio 2010 un camion che sta trasportando al macello 26 mucche si rovescia nei pressi di Cedar Springs. Alcune mucche non si lasciano riprendere, ma purtroppo finiscono investite. Bella invece riesce a vivere libera per un mese. Poi la attirano in fienile per portarla al santuario Animal Farm Sasha. Qui inizialmente fatica ad adattarsi e rivela d’avere un temperamento particolare. E’ incinta. Lei e suo figlio diventeranno inseparabili.

(fonte: Qui la notizia)

 

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 21 Ott 2014 10:23 pm

Continuano le evasioni dai macelli

Coira (CH), 1 ottobre 2014

Un’altra mucca che non si arrende e lotta per salvarsi la vita. Evade dal macello e cerca in rifugio in città. La polizia chiude le strade, i treni rallentano. E poi si spara. Sulla strada l’ennesimo cadavere di ribelle.

“L’azione è l’attività politica per eccellenza.” (H. Arendt)

Qui la notizia

IMG_0102

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 21 Ott 2014 06:54 pm

Evasa dal macello a Monaco

Monaco di Baviera, settembre 2014

Una mucca è riuscita a sfuggire dalle mani dei suoi carnefici e ad evadere dal macello. Ha corso all’impazzata lungo le strade, finendo nei pressi dei tendoni dell’oktoberfest. La sua corsa è stata fermata dai proiettili della polizia. Sul marciapiede, dove giaceva il corpo crivellato dai colpi, sono stati posti degli oggetti per onorare la sua memoria. E le è stato dato un nome: Bavaria.
Qui la notizia

mucca

media.media.0d5cde7c-b32d-4fe4-9005-1eaadbe4fe13.normalized

1 - storie di rivolta &8 - ribellioni 21 Ott 2014 10:03 am

La fuga di Barney

New York, 19 ott0bre 2014.
Stavolta l’hanno definito ‘canaglia’. E’ Barney, un cavallo che traina faticosamente  una delle tante carrozzelle per turisti a Manhattan.
Ha cercato la libertà fuggendo lungo le strade di New York in zona Midtown.
Inseguito dalla polizia, è stato poi fermato e lunedi scorso ha ripreso la sua attività di schiavo.
QUI LA NOTIZIA
runaway-carriage-horse

 

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 20 Ott 2014 11:28 am

Free Willy continua a difendere la sua libertà

Stienta (Ro), 20 ottobre 2014

Sono trascorsi ormai quasi due mesi dalla sua evasione e questo vitello continua la sua vita libera nella provincia di Rovigo. E’ talmente veloce che non sono ancora riusciti ad acciuffarlo.

Un aggiornamento (fonte: ilrestodelcarlino.it)

IMGP4005

 

1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 20 Ott 2014 10:26 am

Video di un toro evaso in Romania

Braila (Romania), 2013

Un toro evade e si trova a correre nel traffico cittadino. Nel video i suoi tentativi di resistenza alla cattura.

Qui  VIDEO   ed articolo  (fonte: buzzland.it)

mqdefault-8-150x150

 

 

 

Pagina successiva »