I pappagalli che aprono le gabbie

 

 

In questi giorni in tutta la Spagna si parla di una “squadra di liberazione”.
La storia è diventata virale: un gruppo di pappagalli vola di terrazza in terrazza e apre le gabbie per liberare gli uccelli imprigionati

La diffusione di questa storia nasce con la testimonianza su Twitter dell’utente @nouledgecos, che si chiedeva da dove venissero questi uccellini che si aggiravano nel suo giardino. Inizialmente la donna pensava semplicemente che si fossero persi.
Li ha dunque seguiti e ha scoperto che non era affatto così: i pappagalli si dirigevano verso le gabbie in cui erano rinchiusi altri volatili per liberarli.
Secondo la donna, vivono trovando cibo dai passanti e cercano di reclutare altri uccelli della loro specie.

Nel quartiere sono ben conosciuti e sono stati soprannominati “squadra di liberazione”.
Un altro utente residente nella zona ha pubblicato altri particolari su questo gruppo di uccelli: “Quello blu sembra il più vecchio e saggio, quello verde è uno specialista nell’aprire le porticine delle gabbie e il giallo è l’ultimo arrivato”

Non è l’unico caso in cui gli animali non umani si ribellano in gruppo, in modo sistematico e anche altruista, ma è incoraggiante vedere come l’interpretazione del desiderio di libertà, in questo caso, sia quella dominante anche fra la gente comune. Del resto, cosa c’è di più chiaro di un gruppo di uccelli che vuole aprire le gabbie?

Fonte: https://culturafilosofica.com/grupo-de-loros-va-de-terraza-en-terraza-abriendo-jaulas-para-liberar-aves-encerradas/

This entry was posted in 1 - storie di rivolta, 6 - altri luoghi di detenzione, 7 - evasioni, 8 - ribellioni and tagged , , . Bookmark the permalink.