1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &7 - evasioni 08 Apr 2016 05:17 pm

Messina: un fuggitivo da sostenere subito!

messina

I giornali raccontano di un bovino maschio fuggito nei pressi dello stretto di Messina (come la “famosa” Teresa tempo fa), catturato dalle autorità e in attesa di essere consegnato al proprietario, un allevatore per ora non identificato che la riporterà alla sua vita di sfruttamento fino al macello.

Come nel recente caso del cinghiale Martino, la solidarietà concreta potrebbe essere determinante perchè riesca a salvarsi.

Il rifugio Agripunk si è reso disponibile ad ospitare il bue, quindi c’è la prospettiva concreta che la sua fuga non sia un tentativo inutile.

Che cosa fare?

Per prima cosa, è importante scrivere alle autorità per chiedere la liberazione e l’affidamento a un rifugio per animali. Di seguito trovate una lettera tipo e gli indirizzi a cui inviarla.

E’ possibile inoltre chiamare la asl per avere notizie in merito e chiedere la liberazione del bue: Tel 0903653957 – 

LETTERA TIPO

Blocco e-mail con punto e virgola:  urp@comune.messina.it; renato.accorinti@comune.messina.it; urp@asp.messina.it; veterinario.dipartimento@asp.messina.it

Blocco e-mail con virgola:  urp@comune.messina.it, renato.accorinti@comune.messina.it, urp@asp.messina.it, veterinario.dipartimento@asp.messina.it

OGGETTO: Mucca catturata al porto di Messina

TESTO:

Ho saputo della cattura di un bovino maschio nel porto di Messina, ora in un allevamento della zona (www.tempostretto.it/news/mare-avvistata-mucca-nello-stretto-messina-salva.html).

La prospettiva per questo fuggitivo sembra essere quella di ritornare alla vita a cui ha cercato di sottrarsi, quella di un allevamento ancora non identificato in cui è stato finora rinchiuso in attesa di una fine che non è degna di nessuna vita, cioè il macello.

Chiedo quindi che venga affidato a un rifugio per animali (il rifugio Agripunk ha già comunicato la propria disponibilità ad accoglierlo) in cui possa essere accudito e non sfruttato, lungo tutta la durata naturale della sua esistenza.

Ricordiamo il caso analogo della mucca Teresa QUI che è riuscita a salvarsi la vita.

 

 

 

 

Trackback This Post | Subscribe to the comments through RSS Feed

Leave a Reply