Si ribella alla colonizzazione turistica, ma viene trucidato.

Isole Svalbard, 29 luglio 2018

E’ stato ucciso a colpi di arma da fuoco. Non è stato un incidente, da bravi colonizzatori abbiamo sempre ammazzato così i nativi ribelli.

Diciotto navi, con una massa di turisti in notevole aumento, occupano ogni settimana i territori semi selvaggi (ancora per quanto?) di queste isole.  Il turismo polare è un affare lucroso e in rapida ascesa … e frantuma, come ogni occupazione, i bisogni e i desideri di chi la subisce.

Articolo

(Fonte: www.repubblica.it)

Questa voce è stata pubblicata in 1 - storie di rivolta e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Si ribella alla colonizzazione turistica, ma viene trucidato.

  1. Stefania scrive:

    storie di rivolta dal mondo della schiavitù animale

I commenti sono chiusi.