1 - storie di rivolta &2 - allevamenti e macelli &8 - ribellioni 13 Mag 2016 05:26 pm

L’asino disobbidiente

Cogolo –  TN,  8 novembre 2015

Punito perché colpevole di disobbedienza. La pena: tortura, agonia e morte

TI FACCIO VEDERE IO CHI COMANDA …una frase (sempre la stessa), tante voci, che piegano, spezzano, puniscono.
Gli asinelli sono utili e belli. Utili per chi li sfrutta, belli per chi li incrocia durante una gita fuori porta, o una visita alla fattoria. Ma tutto questo ha quasi sempre un prezzo: l’obbedienza.
L’obbedienza la si insegna, la disobbedienza va punita. E i recidivi? (inutili e brutti?) c’è sempre un posto disposto ad accoglierli: il macello.

Torturato, lasciato per giorni agonizzante prima che la morte (ultima, estrema fuga) alleviasse le sue sofferenze. L’efferatezza del crimine dell’asino di Trento fa – giustamente – notizia, ci lascia sconvolti e increduli.
Mentre lo compiangiamo però non dimentichiamo l’urlo di tutti gli altri disobbedienti, di chi si piega per sopravvivere, e dei recidivi, condotti alla morte, in giorni quieti, senza fragore. Non compianti.

Leggi l’articolo
(Fonte: www.trentotoday.it)

Trackback This Post | Subscribe to the comments through RSS Feed

Leave a Reply