SCILLA LIBERO! – scriviamo ancora alle autorità di Messina.

Scilla, il vitello fuggito a Messina è ancora prigioniero.
Sappiamo che è stata manifestata una prima disponibilità alla cessione al rifugio Agripunk da parte delle autorità comunali, ma per ora la ASL non ha sbloccato la su situazione.
La pressione delle persone solidali, che hanno scritto in centinaia alla ASL di Messina, non è passata inosservata, e del caso di Scilla si è parlato molto anche sulla stampa locale e nazionale.
Chiediamo:
– che Scilla venga ceduto ad “Agripunk”, il rifugio che ha dato disponibilità per l’accoglienza
– che gli/le attivist* locali possano andare a trovarlo per verificarne lo stato di salute e il tipo di condizione in cui si trova nel luogo in cui è provvisoriamente collocato, luogo che la ASL si rifiuta di divulgare.

Vi chiediamo di scrivere agli indirizzi indicati sotto usando la lettera tipo (eventualmente personalizzabile), di telefonare alla ASL per esigere la liberazione di Scilla, di informare giornali locali e nazionali.
Telefoni ASL Messina: 0903653957 – 0921389457 – 0903651 – 0903652774 –

Chiediamo inoltre agli attivist* della zona di Messina di contattarci scrivendo a resistenzanimale@autistici.org in modo da coordinarci per raggiungere l’obiettivo della liberazione di Scilla
LETTERA TIPO
Blocco e-mail con punto e virgola: urp@comune.messina.it; renato.accorinti@comune.messina.it; urp@asp.messina.it; veterinario.dipartimento@asp.messina.it; segreteriasindaco@comune.messina.it; direzione.generale@asp.messina.it; protocollogenerale@comune.messina.it
Blocco e-mail con virgola: urp@comune.messina.it, renato.accorinti@comune.messina.it, urp@asp.messina.it, veterinario.dipartimento@asp.messina.it, segreteriasindaco@comune.messina.it, direzione.generale@asp.messina.it, protocollogenerale@comune.messina.it
OGGETTO: Scilla libero
TESTO:
Vi scrivo in merito a Scilla, bovino maschio catturato nel porto di Messina l’8 aprile.
Dopo il suo gesto disperato di fuga, Scilla non può tornare al proprietario e al suo destino già scritto, il mattatoio: chiedo quindi che venga affidato a un rifugio per animali (il rifugio Agripunk ha già comunicato la propria disponibilità ad accoglierlo) in cui possa essere accudito e non sfruttato, lungo tutta la durata naturale della sua esistenza.
Chiedo inoltre che gli/le attivist* locali possano andare a trovarlo per verificarne lo stato di salute e il tipo di condizione in cui si trova nell’allevamento in cui è provvisoriamente collocato.
Distinti saluti
Nome e Cognome

This entry was posted in 1 - storie di rivolta, 2 - allevamenti e macelli, 7 - evasioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *