IL pesce si ribella, con un colpo di coda scaglia una lattina in faccia al pescatore

VIDEO

Alcune persone fanno fatica a interpretare come ribellione la fuga di un maiale dal camion che lo trasporta al mattatoio, quella di un torello che fugge in mare cercando di allontanarsi a nuoto dalla morte, quella di un cavallo che disarciona il cavaliere e se la dà a gambe per poter fare una corsa in libertà, quella di un’elefantessa che esasperata dalle percosse si dà ad una distruzione sistematica di auto e vetrine.

“Sono gesti inconsulti, nervosismi casuali, irritabilità, malattie o casi fortuiti” sono le frasi più comuni di chi non vuole ammettere l’intenzionalità di queste azioni.

Quando si tratta di animali piccoli e, come in questo caso, di animali addirittura ritenuti così infimi e insignificanti da negarne non solo la volontà ma addirittura la sensibilità, è facile liquidare la cosa con una risata e un’alzata di spalle.

Ma che ne sappiamo di quel pesce, stordito dalla mancanza d’ossigeno e dal ghiaccio bruciante in cui è stato messo?

Che ne sappiamo di cosa gli è passato per la mente quando nel buio assoluto della ghiacciaia ha visto per un’ultima volta affacciarsi un po’ di luce?

Se anche non fosse stata sua intenzione (ma a noi piace pensare che lo fosse) la volontà di scagliare la lattina verso il suo assassino, di certo era intenzionale il tentativo di cercare di fare un ultimo sforzo, per quanto inutile, nel disperato tentativo di scappare dal ghiaccio e ritrovare l’amata acqua, il respiro e la vita.

Addio piccolo grande pesce.

La tua ribellione, come quasi sempre, non è stata apprezzata e forse neppure notata e il tuo carnefice non si è degnato di soffermarsi un attimo sulla tua agonia. Ha richiuso subito la scatola termica, la tua piccola tomba arancione, dove tu e i tuoi sventurati compagni valevate immensamente meno delle sue lattine di birra da tenere al fresco.

Ma noi, quel tuo ultimo gesto non lo dimenticheremo. Ci aiuterà a comprendere, con sempre maggior chiarezza, la voglia di libertà che accompagna ogni vita animale.

This entry was posted in 1 - storie di rivolta, 6 - altri luoghi di detenzione, 8 - ribellioni and tagged , . Bookmark the permalink.

2 Responses to IL pesce si ribella, con un colpo di coda scaglia una lattina in faccia al pescatore

  1. Pingback: El pequeño gran pez, y otros animales que no se querían dejar matar – QUERER LA LIBERTAD

  2. Pingback: El pequeño gran pez, y otros animales que no se querían dejar matar – QUERER LA LIBERTAD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *