Esecuzione per sconfinamento

Castano Primo (MI), agosto 2015

Non si è lasciato tirar fuori dall’acqua. Troppa la paura. Ha morso il canotto ed ha continuato a nuotare verso una sua soluzione possibile. Ma i territori hanno confini di filo spinato e di cieco abisso e c’è chi è disposto a sparare su chi li oltrepassa.

(Fonte e galleria fotografica)

Schermata 2015-09-02 alle 22.51.38

 

Questa voce è stata pubblicata in 1 - storie di rivolta, 8 - ribellioni. Contrassegna il permalink.

1 risposta a Esecuzione per sconfinamento

  1. TestaQuadra scrive:

    improvvisati è fare un complimento..

I commenti sono chiusi.