30 tori evadono

Reggio Emilia, 2006

Logocentrismo umano che impedisce di vedere l’intensità, la bellezza, l’efficacia degli altri linguaggi. Sfumature di suoni, emozioni razionali dei corpi? Non ci sono parole per descrivere il linguaggio dei tori. Di questi tori che in 30 hanno messo in atto insieme la stessa azione di rivolta.

images

Leggi la notizia (RomagnaOggi)

This entry was posted in 1 - storie di rivolta, 2 - allevamenti e macelli, 7 - evasioni and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *